LA PRIMA CHIESA DEDICATA A SAN ZENO IN ORIENTE

 Forse, fino a qualche anno fa, nessuno avrebbe pensato che nell'estremo Oriente sarebbe sorta una chiesa dedicata a San Zeno patrono di Verona. Proprio a distanza di pochi mesi dalla morte di don Giuseppe Berti che nella Chiesa di Chiang Mai, nel nord della Thailandia, ha fatto dono del suo ministero di prete, nella stessa Diocesi è stata realizzata un'opera a mantenere vivo il segno della stessa Chiesa che l'aveva inviato. L'idea di costruire la nuova chiesa, collocata tra foreste della zona montagnosa, è nata dall'ultima visita a Verona dello stesso vescovo di Chiang  Mai, Francesco Saverio Vira, quando dopo la visita a don Berti a Negrar, ebbe modo di esprimere il desiderio di offrire un riferimento stabile di vita cristiana alle numerose comunità di quella zona.

Tale proposta fu condivisa e accolta dal Vescovo e dal Centro Missionario Diocesano di Verona, soprattutto grazie alla immediata disponibilità offerta dalla comunità dei Santi Apostoli di farsene carico. Sono bastati pochi mesi perché le persone di questa comunità rispondessero con generosità alla proposta e questa trovasse piena realizzazione.

Così sabato 27 gennaio 2018 alle ore 10 è stata solennemente benedetta la nuova chiesa dal Vescovo Francesco Saverio. Oltre alla numerosa gente dei villaggi e a un gruppo significativo di preti di Chiang Mai, erano partecipi anche alcuni rappresentanti della Chiesa di Verona che, a nome del Vescovo, hanno portato in dono le reliquie di San Zeno. Tra questi mons. Ezio Falavegna, parroco dei Santi Apostoli, che guidava un gruppo di diciotto persone in rappresentanza della stessa comunità, don Maurizio Viviani, parroco di San Fermo, e due diaconi, Giovanni e Giuseppe, testimoni del singolare legame che già da otto anni è dato dalla presenza di giovani preti, ad oggi ben cinque, della Diocesi di Chiang Mai ospiti nella medesima parrocchia per motivi di studio. 

È stata una straordinaria occasione di festa in cui, oltre all'intrecciarsi di varie espressioni di gratitudine, il Vescovo Francesco Saverio ha evidenziato la figura di San Zeno come evangelizzatore e ha richiamato il forte legame della sua Chiesa con quella di Verona e più ampiamente con le Chiese del Triveneto. Don Ezio da parte sua ha espresso anche un singolare grazie a tutte quelle persone che in forma anonima hanno di fatto contributo non solo alla costruzione della chiesa, ma anche alla realizzazione del bel altare, dell'ambone e della statua lignea di San Zeno a cui ora è affidata una porzione più ampia di Chiesa da custodire.  A conclusione della celebrazione don Ezio ha espresso l'augurio che " Le stesse reliquie di San Zeno, donate dal nostro Vescovo Giuseppe e collocate in questa cara e bellissima terra, siano, in forza della grazia del Signore, un seme fecondo nel germogliare il frutto del Vangelo".

Tra le molte cose, c’è anche un piccolo ma prezioso segno ha colpito l’attenzione di coloro che da Verona sono stati partecipi dell’evento: arrivati verso il villaggio di Nanò in provincia di Chiang Mai, luogo in cui la chiesa è stata costruita, l’indicazione stradale era appena stata messa a nuovo con la scritta: “Nanò San Zeno”. Un minuto, ma evidente indicatore di una presenza che testimonia una traccia della generosità e solidarietà della nostra Chiesa di Verona. Nella diocesi di Chiag Mai  è presente la missione del Triveneto, con sacerdoti fidei donum da Padova, Belluno, Vicenza. In questo gruppo di missionari era inserito anche don Giuseppe Berti, prematuramente scomparso l’11 dicembre scorso a seguito delle conseguenze riportate nel terribile incidente stradale avvenuto proprio a Chiang Mai nell’aprile 2016.

Joomla Templates by Joomla51.com

Il sito di CMD VERONA utilizza i cookie tecnici per migliorare la navigabilità del sito. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookies da queto sito.