“La messe è molta”

 

 Quest’anno il mese missionario è stato aperto in cinque punti diversi della diocesi: Nogara, Lazise, Grezzana, Legnago, Verona. A Lazise, con il titolo “Dal Lago parte la missione”, venerdì 29 settembre al Centro Giovanile Parrocchiale, alle 20,30, coordinati da Roberto Pachera, sono intervenuti p. Alex Zanotelli, missionario comboniano, che ha offerto un quadro davvero non entusiasmante del contesto internazionale, Orazio Menini, che ha  offerto un ritratto toccante di don Bruno Pozzetti, il “samaritano del lago”, colui che ha fatto “della fragilità una forza collettiva” fondando l’esperienza de “La nostra Casa” e recentemente scomparso. La serata è stata musicalmente animata dai Fuori Schema e dagli Archi Volanti, un gruppo di giovanissimi musicisti della zona. Don Achille Bocci ha parlato del suo futuro impegno di fidei donum in Ciad con i saveriani e i giovani della parrocchia che con lui sono andati quest’estate in Etiopia hanno portato la loro  esperienza.

Sempre venerdì, alle 20,30 a Legnago, al teatro Salus, condotto da Lucio Salgaro, il primo di ottobre si è aperto con l’ASCOM onlus che ha celebrato i suoi 35 anni di attività alla presenza del presidente Giovanni Gobbi, del prof. Ercole Concia, di don Carlo Tartari direttore del CMD Brescia e coinvolto nel progetto Kiremba in Burundi.  Sr Dorina Tadiello, provinciale delle missionarie comboniane in Italia, ha ricordato i 150 anni di attività comboniana nel mondo. Nella terza parte della serata si è parlato di testimonianze di missionarietà della Bassa Veronese: don Moreno Roncoletta parroco di Porto di Legnago ha portato la sua esperienza di adozioni a distanza ad Haiti, don Simone Zanini parroco di S. Marco e san’Anna ai Boschi ha parlato del suo essere stato fidei donum  in Mozambico, la dott.ssa Clara Scapin, sindaco di Legnago ha parlato dell’accoglienza dei profughi anche come  segno di missionarietà  oggi sul territorio, il dott. Antonio Pastorello, presidente della Provincia, ha parlato dell’ associazione Esperanza che lavora  con Santo Domingo.

A Nogara, sabato 30 settembre, con il titolo “Andare…conoscere per condividere” condotto da Rita Pavan, il primo di ottobre è stato aperto con Arianna Zanetti e Mattia Bertolini, due giovani della zona che con don Matteo Malosto si sono recati nello Sri Lanka per 10 giorni di full immersion nella realtà socio- ecclesiale di questo paese asiatico, dando una mano ad una comunità. Alex Zanotelli ha  parlato al centinaio di presenti di alcuni scenari del mondo  e del mandato ricevuto dai capi delle religioni di Korogocho, in Kenya: “torna a casa a  convertire la tua tribù bianca”.  E in effetti, se l’occidente non cambia il suo stile di vita, non ci sarà futuro per nessuno, ha ricordato il missionario comboniano. La serata anche a Nogara è stata organizzata dalla commissione missionaria vicariale.

A Grezzana, domenica 1 ottobre, alle 20,30 nella sala del NOI Associazione, un centinaio di persone hanno vissuto una serata ricca di contenuto, condotta da Flora Massari e organizzata dalla commissione missionaria vicariale.  Sono intervenuti i giovani della vicaria che quest’estate sono stati in Kenya per un viaggio di conoscenza, guidati da don Fabio Gastaldelli. Con l’animazione musicale dei Valles Band,  video, foto e testimonianze si sono alternate: tra queste, due Piccole figlie di San Giuseppe - sr Vicenziana Mazzier (50 in Africa) e sr Jacqueline del Kenya-; padre Celso Corbioli, originario di Velo, degli Oblati di Maria immacolata (25 anni in Camerun e 14 in Guinea Bissau); Albert Mburu, keniano, mediatore culturale, sposato in Italia che ha accompagnato i giovani nel viaggio in Kenya. E’ intervenuto anche don Giorgio Boninsegna FD in Kenya, anni ‘70-‘80, di ritorno da un viaggio nelle settimane scorse: molto emozionato perché un suo chierichetto di allora oggi è parroco nella missione dove era lui. Ha proposto di concludere la serata con la preghiera del Padre Nostro in lingua Swuahli: tutti si sono lasciati coinvolgere dal clima di fede e di festa. Domenica 1 ottobre, alle 20,30, al Camploy di Verona il primo di ottobre, condotto da Francesca Martini e in diretta su Telepace, ha visto la partecipazione di mons. Claudio Gugerotti, nunzio apostolico in Ucraina, che ha parlato dell’assurdità di questa guerra sconosciuta ma devastante, di don Marco Campedelli, che con i suoi burattini ha fatto ridere ma soprattutto riflettere e p. Alex Zanotelli. Hanno animato la serata gli On the River.

Joomla Templates by Joomla51.com

Il sito di CMD VERONA utilizza i cookie tecnici per migliorare la navigabilità del sito. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookies da queto sito.