LA GIOIA DEL SOPRAVVISSUTO Featured

Un paio di settimane fa è arrivata in alcune case della nostra parrocchia, nella comunità di Contubuel, la notizia della morte di sei giovani, tutti affogati in uno dei barconi salpati dalla Libia. Immaginate lo strazio di quelle famiglie dopo la notizia della morte dei loro ragazzi. I migliori di quelle famiglie! Erano  partiti alla ricerca di un futuro migliore e caduti invece in quel mare diventato oramai un cimitero. Dolore, pianto, tristezza.
Qualche giorno fa una buona notizia  Uno di quei sei ragazzi è vivo. Lui -proprio con la sua voce- è riuscito a telefonare alla sua mamma. Immaginatevi la gioia di quella mamma. Dopo giorni di tristezza e di dolore ecco che la gioia e la danza è scoppiata in quella casa. Proprio lui ha raccontato cosa era successo. Il barcone andava a fondo. Moltissimi sono morti. La maggior parte li ha portati via il mare. Ma lui è stato aiutato e salvato da una nave. È stato portato a terra, lo hanno portato in ospedale, lo hanno curato e gli hanno dato da mangiare. In tutto il suo racconto non smetteva di ringraziare Dio e quei "bianchi" che lo hanno salvato. Ha detto che lo stanno trattando bene, come se fosse a casa sua.
Migliaia di queste storie, di queste persone. Non possiamo girare la faccia dall'altra parte.

 

Don Lucio Brentegani

Fidei donum in Guinea Bissau

Joomla Templates by Joomla51.com

Il sito di CMD VERONA utilizza i cookie tecnici per migliorare la navigabilità del sito. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookies da queto sito.